Home » Casaconsumproprietà

Casaconsumproprietà

Tutela dei proprietari immobiliari

Tutela dei proprietari immobiliari - AVVOCATI DEI DIRITTI

CASACONSUMPROPRIETA'  SEDE REGIONALE DELLA CAMPANIA

ASSOCIAZIONE NAZIONALE PER LA TUTELA DELLA CASA E DEI CONSUMATORI

 Via Tino di Camaino 9  80128 Napoli  tel. 081.578 54 10 - fax 081.556 99 97  www.casaconsum-campania.com     

 

 LOCAZIONE    CONDOMINIO    SICUREZZA DEGLI EDIFICI      

 

CASACONSUMPROPRIETA' CAMPANIA tutela i diritti e gli interessi dei proprietari immobiliari in materia di locazioni, condominio, sicurezza degli edifici e compravendita immobiliare.    

 

CASACONSUMPROPRIETA' CAMPANIA vuole non solo offrire una serie di servizi ai propri associati, garantendo un 'assistenza in materia legale, tecnica, tributaria, amministrativa, contrattuale, sindacale, ma vuole, soprattutto, essere il riferimento e l'interlocutore principale nei confronti delle Autorità e delle Istituzioni, per discutere di tutte le problematiche legate al mondo della casa e dell'abitare.      

 

Fra gli impegni più importanti, c'è quello di confrontarsi a livello locale - REGIONE CAMPANIA - su temi come il piano del traffico, l'inquinamento, le barriere architettoniche, la pressione fiscale sugli immobili, oltre ad affrontare il tema del degrado e dell'immigrazione, fattori che comunque incidono pesantemente sia sul valore degli immobili che sulla loro qualità abitativa, per intervenire anche mediante azioni mirate alla tutela del territorio e del contesto urbano.      

CASACONSUMPROPRIETA' CAMPANIA si prefigge di:   

  • tutelare gli interessi della proprietà edilizia e curarne lo sviluppo in armonia con l'ambiente ed il territorio, rappresentandola nei confronti delle istituzioni e delle forze politiche, sociali ed economiche nonché dei gestori dei pubblici servizi, delle associazioni dell'inquilinato e degli amministratori di condominio;
  • promuovere l'afflusso del risparmio verso l'investimento immobiliare ed edilizio favorendo in particolare l'accesso alla proprietà dell'abitazione in conformità con i principi costituzionali;
  • curare, anche attraverso lo studio di soluzioni tecnico-economiche, la conservazione e la valorizzazione del patrimonio immobiliare, artistico e naturalistico;
  • assicurare ai soci mezzi ed occasioni per il proprio arricchimento culturale e formativo, tutelare la loro qualità di consumatori, concorrere con gli enti pubblici e privati a promuovere la conoscenza, la tutela e la valorizzazione della proprietà edilizia e dell'ambiente;
  • incentivare la partecipazione dei proprietari ed utenti di immobili alla realizzazione di condizioni favorevoli allo sviluppo equilibrato ed armonico del contesto in cui vivono ed alla valorizzazione degli spazi comuni e delle risorse ambientali.

Tutela dei consumatori

Tutela dei consumatori - AVVOCATI DEI DIRITTI

CASACONSUMPROPRIETA'  SEDE REGIONALE DELLA CAMPANIA

ASSOCIAZIONE NAZIONALE PER LA TUTELA DELLA CASA E DEI CONSUMATORI

 Via Tino di Camaino 9  80128 Napoli  tel. 081.578 54 10 - fax 081.556 99 97   www.casaconsum-campania.com   

 

IL CODICE DEL CONSUMO 

CASACONSUMPROPRIETA' CAMPANIA tutela i diritti e gli interessi individuali e collettivi dei proprietari immobiliari come consumatori ed utenti previsti dal Codice del Consumo ed in particolare – oltre al diritto alla salute, al diritto alla sicurezza ed alla qualità dei prodotti, al diritto ad una informazione adeguata e ad una pubblicità corretta, al diritto alla correttezza, trasparenza ed equità dei rapporti contrattuali concernenti beni e servizi, al diritto alla erogazione dei servizi pubblici secondo standard di qualità ed efficienza, al diritto a ricevere assistenza e sostegno per la stipula di mutui con banche ed enti finanziatori – dei diritti relativi a tutti i rapporti economici sulla casa di abitazione.

 
CASACONSUMPROPRIETA' CAMPANIA, nel perseguire gli scopi associativi, in particolare, opera per:

• realizzare le condizioni perché siano resi effettivi i diritti fondamentali riconosciuti dal Codice del Consumo;

• promuovere una cultura associativa fra proprietari di abitazione ed in genere i consumatori ed utenti a vario titolo del bene casa che porti questi a porsi come interlocutori organizzati delle istituzioni, delle altre forze sociali, dei produttori ed erogatori di beni e servizi particolarmente immobiliari;

• promuovere l’informazione, la formazione e l’educazione al consumo dei beni e dei servizi particolarmente immobiliari attraverso la pubblicazione di riviste, agenzie di informazione, guide informative ed altresì attraverso ricerche, studi, test, sondaggi, osservatori, manifestazioni, convegni e corsi di formazione, in proprio o per conto o in collaborazione con soggetti pubblici e privati;

• tutelare gli interessi economici e giuridici dei consumatori in genere e degli utenti a vario titolo del bene casa, in particolare ricorrendo agli strumenti della costituzione di parte civile nel processo penale, della costituzione nel processo civile e amministrativo; della trattativa, nonché alle azioni e ai ricorsi in sede amministrativa e giurisdizionale – individuali e collettivi - al fine di ottenere un uso corretto dei mezzi pubblicitari, di eliminare forme di pubblicità ingannevole, di garantire la sicurezza e la qualità dei prodotti immobiliari e dei beni di consumo relativi alla casa, di evitare l’inserimento e di accertare l’inefficacia delle clausole vessatorie nei contratti dei consumatori, di eliminare ogni pratica contrattuale, commerciale ed economica scorrettaed abusiva, di far cessare gli abusi, le speculazioni e le frodi ed ogni altro atto e comportamento lesivo degli interessi dei consumatori, di ottenere forme riparatorie idonee a correggere ed eliminare gli effetti dannosi derivanti dagli atti e comportamenti lesivi degli interessi dei consumatorie degli utenti;

• promuovere, anche attraverso un’adeguata informazione, il controllo sociale dei servizi relativi alla casa, stimolarne una equilibrata diffusione, verificarne il livello qualitativo;

• rappresentare gli interessi dei consumatori-utenti a vario titolo del bene casa nei competenti organismi ai livelli territoriale, regionale, nazionale, comunitario ed internazionale;

• promuovere azioni per il controllo della qualità dei prodotti immobiliari e degli impianti relativi anche ai fini della sicurezza nonché dei beni di consumo della casa, a tutela della salute e della sicurezza;

• promuovere iniziative di informazione e di educazione per il consumo, per l’uso razionale dell’energia e lo sviluppo delle energie alternative, nella salvaguardia dell’ambiente;

• promuovere osservatori per rilevare la qualità, i prezzi e le tariffe dei beni di consumo e servizi relativi alla casa; promuovere gruppi d’acquisto collettivi; stipulare accordi e convenzioni che consentano concreti risparmi o altre convenienze per gli associati; promuovere la mobilitazione dei consumatori-utenti e ogni altra azione utile ad affermare gli interessi degli utenti a vario titolo del bene casa;

• promuovere strutture di servizio per l’espletamento dell’attività dell’associazione;

• il diritto all’educazione al consumo responsabile, il diritto all’educazione e all’uso del denaro per prevenire il fenomeno del sovraindebitamento e dell’usura nei mutui casa.

Codice del Consumo Codice del Consumo [2.089 Kb]

Tutela delle imprese

Tutela delle imprese - AVVOCATI DEI DIRITTI

 CASACONSUMPROPRIETA'  SEDE REGIONALE DELLA CAMPANIA 

 ASSOCIAZIONE NAZIONALE PER LA TUTELA DELLA CASA E DEI CONSUMATORI

Via Tino di Camaino 9  80128 Napoli  tel. 081.578 54 10 - fax 081.556 99 97  www.casaconsum-campania.com     

 

CONTENZIOSO BUSINESS

CASACONSUMPROPRIETA' CAMPANIA fornisce concreta assistenza nella gestione del contenzioso business delle imprese che sono vittime di disservizi come quelli che accadono  al singolo consumatore:

- bollette telefoniche per servizi non richiesti

- conguagli energetici esorbitanti

- problematiche per la garanzia per le auto o prodotti informatici

- problematiche con la propria banca

- gestione della crisi da sovraindebitamento per il piano dei debiti da presentare in Tribunale per pagare Banche e Finanziarie, Agenzia delle Entrate ed Equitalia.  

Statuto

Statuto - AVVOCATI DEI DIRITTI

 STATUTO CASACONSUMPROPRIETA’ – COMITATO REGIONALE DELLA CAMPANIA

ART.1 – COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE SOCIALE

E’ costituito in Campania il Comitato Regionale di Casaconsumproprietà, di seguito denominato Comitato, aderente a Casaconsumproprietà Nazionale – Associazione Nazionale per la tutela della casa e dei consumatori – con sede in Roma alla Via San Nicola da Tolentino 21. Il Comitato assume la seguente denominazione: Casaconsumproprietà Campania. La sede legale è in Napoli alla Via Tino di Camaino 9.

Il Comitato può istituire Delegazioni locali nell’ambito dei Comuni di provincia dei capoluoghi della regione Campania, come dal Regolamento allegato al presente Statuto.

ART.2 – SCOPI E DURATA

Il Comitato ha durata illimitata, non ha fini di lucro, non può distribuire – direttamente o indirettamente – utili e svolge la propria attività avvalendosi principalmente della collaborazione dei propri associati. Esso si propone come scopo esclusivo la tutela dei diritti e degli interessi dei consumatori e degli utenti e in particolare – oltre al diritto alla salute, al diritto alla sicurezza ed alla qualità dei prodotti, al diritto ad una informazione adeguata e ad una pubblicità corretta, al diritto alla correttezza, trasparenza ed equità dei rapporti contrattuali concernenti beni e servizi, al diritto alla erogazione dei servizi pubblici secondo standard di qualità ed efficienza, al diritto a ricevere assistenza e sostegno per la stipula di mutui con banche ed enti finanziatori – dei diritti relativi a tutti i rapporti economici sulla casa di abitazione, nessuno escluso.

Il Comitato coordina e promuove l’attività di Casaconsumproprietà nell’ambito della Regione Campania, realizza iniziative aventi finalità di solidarietà sociale e di tutela dei diritti civili, volte alla difesa dei consumatori e degli utenti.  Si fa interprete presso le Istituzioni regionali delle proposte e delle istanze delle sedi provinciali e Delegazioni locali di Casaconsumproprietà presenti in Campania, singolarmente o nel loro complesso. Più in generale svolge le attività direttamente connesse a tali scopi indicate all’art. 4 dello Statuto Nazionale di Casaconsumproprietà. 

ART.3 – CAMPI DI ATTIVITA’

Il Comitato offre servizi specializzati per la tutela della casa e dei consumatori nei seguenti campi di attività:

  • Acqua: servizio idrico integrato, campagne su tariffe, privatizzazioni, razionalizzazioni, potabilità.
  • Appalti di servizi: caldaia, ascensore, servizi pulizia, sgorgo fogna, derattizzazione, appalti condominiali in genere, clausole vessatorie.
  • Appalti edili e impiantistici: clausole vessatorie, vizi dell'opera, fallimenti dell'impresa, subappalti, regole di sicurezza, rapporti con il direttore lavori e il progettista e rispettive responsabilità e onorari, capitolati.
  • Assicurazioni: infortunistica stradale, globale fabbricati, furti, incendi, perdite d'acqua, clausole vessatorie nei contratti, polizze a copertura dei mutui sottoscritti.
  • Banche: interessi usurari, mancata o non determinata applicazione degli interessi ultra-legali, applicazione di commissioni di massimo scoperto e spese non pattuite, applicazione di commissioni occulte, conti correnti condominiali.
  • Codice del Consumo: telecomunicazioni, trasporti, assicurazioni, Poste, finanziarie, vendita e garanzie, prodotti difettosi, utenze domestiche, contratti e recesso, clausole vessatorie, vacanze rovinate, tutela del risparmiatore, opposizioni alle multe stradali, opposizioni alle cartelle esattoriali, colpa dei medici e delle strutture sanitarie.
  • Compravendite immobiliari: rapporti con il mediatore, proposte irrevocabili di acquisto, rapporti con il notaio, certificazione energetica, compravendite sulla carta, clausole vessatorie con il costruttore-venditore, agevolazioni prima casa, bonus sul riacquisto, fiscalità in genere, truffe, accertamenti fiscali sui prezzi d'acquisto, case all'estero.
  • Condominio: condominio e sicurezza degli Edifici, condominio come consumatore nei rapporti con terzi.
  • Disabili: barriere architettoniche.
  • Espropri: indennità, occupazioni senza titolo.
  • Fiscalità immobiliare: Imu, Irpef, tasse di concessione, imposte di scopo, Tia, Tari, rapporti con Equitalia, imposte su compravendite, successioni e donazioni, tasse rifiuti e sull'occupazione di spazi pubblici.
  • Locazioni: contratti di locazione, sfratti per finita locazione e morosità, agevolazioni tributarie, imposizione fiscale, depositi e caparre.
  • Locazioni extralberghiere: bed and breakfast, agriturismo.
  • Materiali e prodotti edili: etichette energetiche, garanzie.
  • Mutui: tipologie, condizioni, clausole vessatorie, pubblicità ingannevole, prezzi nascosti, surroga, polizze sui mutui, tassi di usura, mutuatari in valute estere.
  • Processo civile e amministrativo: azioni inibitorie, class action, clausole vessatorie, mediazione e conciliazioni.
  • Proprietà immobiliare: proprietà, trasferimenti immobiliari, usufrutto, uso, servitù, nuda proprietà, diritto di abitazione, multiproprietà.
  • Rifiuti: tariffe, norme, efficienza del servizio.
  • Risparmio energetico: certificazione energetica, servizi energia, costi e truffe sul gasolio, problemi del teleriscaldamento, appalti terzo responsabile dell'impianto termico, clausole vessatorie, Esco, norme ed agevolazioni sulle rinnovabili, tariffe, prescrizioni tariffarie, contabilizzazione e termoregolazione.
  • Sovraindebitamento dei consumatori: controversie con l’Agenzia delle Entrate, le Banche e Finanziarie per il pagamento delle imposte, delle tasse, dei tributi, del mutuo, delle rate di finanziamento.
  • Tv e fibre ottiche: bollette, canone Rai, diritto di antenna, rapporti con i vicini e il condominio.
  • Urbanistica: permessi e assensi urbanistici, vincoli storici, paesistici, idrogeologici, servitù militari, strade di pubblico passaggio, abusi edilizi, servitù di acquedotto, assensi fonti rinnovabili, oneri urbanistici, usi civici.

 ART. 3 – SOCI

I soci si distinguono in:

• Soci Fondatori: coloro che hanno stipulato l’atto costitutivo;

• Soci Onorari: coloro che sono proclamati tali dall’Assemblea generale degli associati su proposta del Consiglio direttivo regionale e sono scelti tra coloro che si siano meritoriamente distinti nelle attività rientranti nelle finalità del Comitato; 

• Soci Ordinari: coloro che si sono associati a Casaconsumproprietà rivolgendosi alla sede provinciale presente in Campania competente per territorio, purché condivida le finalità espresse nel presente Statuto e in quello Nazionale e ne rispetti le disposizioni, nonché le decisioni degli organi Statutari.

L’iscrizione comporta l’accettazione delle norme statutarie ed il versamento della quota annuale alla sede provinciale competente.

I soci delle sedi provinciali diventano automaticamente soci effettivi di Casaconsumproprietà Campania e di Casaconsumproprietà Nazionale.

Il Consiglio direttivo regionale potrà approvare la sottoscrizione di protocolli d’intesa con associazioni, enti, organismi con finalità compatibili con quelle di Casaconsumproprietà per consentire, anche tramite detti soggetti, l’iscrizione a Casaconsumproprietà.

Il Comitato ha l’obbligo di comunicare annualmente alla Segreteria Nazionale gli aggiornamenti all’elenco soci.

Per quanto riguarda i diritti ed i doveri dei soci, nonché per le modalità di recesso o di espulsione, si fa riferimento agli Statuti Nazionale e Provinciale.

ART. 4 – ORGANI DEL COMITATO

Sono organi del Comitato:

  1. l’Assemblea generale degli associati;
  2. il Consiglio direttivo regionale;
  3. il Presidente regionale;
  4. i Vicepresidenti regionali;
  5. il Segretario regionale;
  6. il Tesoriere regionale;
  7. il Presidente Onorario;
  8. Avvocati dei Diritti;
  9. l’Organo di controllo.

ART. 5 – ASSEMBLEA GENERALE DEGLI ASSOCIATI

L’Assemblea generale degli associati del Comitato è composta dai Presidenti provinciali democraticamente eletti e da un delegato provinciale ogni 100 iscritti o ulteriore frazione superiore a 50. L’Assemblea si riunisce in via ordinaria ogni anno e, in via straordinaria, su richiesta di almeno un terzo delle sedi provinciali o di un decimo degli iscritti, oppure ogni qualvolta lo reputi necessario il Consiglio Direttivo per sua iniziativa o su proposta degli altri organi sociali.

L’Assemblea può tenersi nella sede del Comitato o presso altro luogo che il Consiglio Direttivo ritenga opportuno, purché nel territorio regionale. L’Assemblea è convocata dal Presidente su indicazione del Consiglio Direttivo, almeno 15 giorni prima della data in cui la stessa deve avere luogo, mediante lettera o e-mail e, comunque, avviso affisso nella sede sociale. Tale avviso deve rimanere esposto per tutti i 15 giorni precedenti la riunione.

La convocazione dovrà precisare l’ordine del giorno, l’ora e il luogo della riunione. 

L’Assemblea, in prima convocazione, è validamente costituita con la presenza di almeno metà dei componenti. In seconda convocazione l’Assemblea può deliberare con la presenza di qualsiasi numero dei componenti. Per lo scioglimento del Comitato occorre la presenza di 2/3 (due terzi) dei componenti.

L’Assemblea ha in particolare il compito di:

a)      stabilire le linee programmatiche del Comitato;

b)      approvare annualmente la relazione sulle attività svolte e il rendiconto economico-finanziario presentato dal Tesoriere regionale;

c)      eleggere ogni 5 anni il Presidente regionale, i Vicepresidenti regionali, il Segretario regionale, il Tesoriere regionale, il Consiglio direttivo ed eventualmente l’Organo di Controllo;

d)     deliberare sulle modificazioni dello Statuto regionale.

E’ ammessa delega ad altro delegato facente parte dell’assemblea regionale.

ART. 6 – CONSIGLIO DIRETTIVO REGIONALE

Il Consiglio Direttivo è composto da almeno 5 membri fino ad un massimo di 9, compresi il Presidente regionale, i Vice Presidenti regionali, il Segretario regionale ed il Tesoriere regionale.

Il Consiglio Direttivo dura in carica cinque anni.

Il Consiglio Direttivo si riunisce almeno una volta all’anno e può essere convocato su iniziativa del Presidente oppure di un terzo dei suoi componenti.

Il Consiglio Direttivo delibera su ogni materia che non sia di specifica competenza dell’Assemblea generale degli associati. In particolare ha il compito:

a)      approvare e ratificare l’attività del Presidente regionale;

b)      promuovere le iniziative utili al raggiungimento dello scopo associativo, ivi comprese le eventuali azioni giudiziarie, sia come parte attrice o ricorrente che come parte convenuta o resistente, di rilevanza provinciale o regionale, previa informazione ed autorizzazione del Presidente Nazionale;

c)      verificare l’operato dei singoli membri in relazione alle materie di competenza loro assegnate;

d)     approvare la costituzione delle Sedi Provinciali e delle Delegazioni Comunali;

e) disciplinare, ove necessario, le attività associative con apposito regolamento.

ART. 7 – PRESIDENTE REGIONALE

Il Presidente regionale è il rappresentante legale del Comitato per gli atti sia di ordinaria che di straordinaria amministrazione. Per specifici incarichi la rappresentanza del Comitato può essere conferita a qualsiasi altro associato con procura. Il Presidente dura in carica cinque anni e può essere riconfermato.

In particolare il Presidente ha il compito di: 

a)      curare i rapporti con le istituzioni regionali;

b)      promuovere e coordinare l’attività delle sedi provinciali di Casaconsumproprietà presenti in Campania;

c)      esercitare in caso di urgenza o inattività i provvedimenti del Consiglio Direttivo;

d)     convocare le assemblee degli associati e le riunioni del Consiglio Direttivo presiedendole e formando l’ordine del giorno;

e)      predisporre la relazione annuale sulle attività;

f)       nominare difensori e procuratori del Comitato in tutti i procedimenti civili, penali e amministrativi di rilevanza provinciale o regionale;

g)      aprire conti correnti bancari o postali e accendere prestiti bancari o postali;

h)     presiedere il Consiglio direttivo regionale e l’assemblea dei soci, fissandone l’ordine del giorno;

i)       nominare il Coordinatore di Avvocati dei Diritti.

ART. 8 – VICE PRESIDENTI REGIONALI

I Vice Presidenti Regionali sono in numero di tre. Hanno competenza settoriale, su delega del Presidente Regionale, e svolgono, in tale ambito, tutte le attività loro demandate dal Presidente Regionale e/o dall'Assemblea dei Soci e/o dal Consiglio Direttivo. 

I Vicepresidenti durano in carica cinque anni e possono essere riconfermati.

ART. 9 – SEGRETARIO REGIONALE

Il Segretario regionale redige i verbali delle riunioni, cura l’aggiornamento dell’elenco dei soci e mantiene i contatti fra gli organi, agevolando il coordinamento e lo svolgimento delle riunioni. Inoltre il Segretario coadiuva il Presidente nella propria funzione.

Il Segretario dura in carica cinque anni e può essere riconfermato.

ART.10 – TESORIERE REGIONALE

Il Tesoriere regionale sovrintende alla gestione finanziaria dell’amministrazione del Comitato e ne riferisce al Consiglio Direttivo, cura la preparazione del conto consuntivo e del conto preventivo da sottoporre all’esame del Consiglio Direttivo.

Sovrintende all’amministrazione delle entrate e delle spese dei fondi di attinenza del Comitato in relazione alle risultanze del conto preventivo.

Ha il potere di effettuare pagamenti ed incassi in favore di e da terzi rilasciando quietanza. In particolare potrà riscuotere le quote d’iscrizione e gli altri contributi costituenti il fondo di dotazione del Comitato ed è autorizzato ad aprire un conto corrente a nome del Comitato ed a richiedere il codice fiscale del Comitato.

Il Tesoriere dura in carica cinque anni e può essere riconfermato. 

ART. 11– PRESIDENTE ONORARIO 

Il Presidente Onorario viene nominato dal Consiglio direttivo e viene scelto tra i soci che si sono particolarmente distinti per l’opera svolta nel perseguimento delle finalità del Comitato.

Il Presidente Onorario può rappresentare il Comitato nelle manifestazioni ufficiali e, in accordo con il Presidente, partecipare ad incontri con Istituzioni, pubbliche e private.

Il Presidente Onorario può partecipare a riunioni del Consiglio Direttivo con funzioni consultive e proporre iniziative inerenti la vita associativa.

La carica di Presidente Onorario è a tempo determinato e può cessare su richiesta dell’Assemblea o del Presidente Onorario stesso.

ART. 12– AVVOCATI DEI DIRITTI

Avvocati dei Diritti è il network di studi legali del Comitato in Campania che si propone di perseguire una più efficace tutela della casa e dei consumatori, è l’area operativa e di intervento prioritaria, centro di studio, documentazione ed analisi tecnico-giuridica del Comitato, fornisce ai soci la consulenza ed assistenza legale. Avvocati dei Diritti è guidato e gestito da un Coordinatore, nominato dal Presidente Regionale, che dura in carica due anni e nomina e revoca i Responsabili di Avvocati dei Diritti degli studi legali aderenti in Campania.

Avvocati dei Diritti si propone di:

  • creare una rete di professionisti sul territorio della Campania, specializzati in diritto immobiliare e diritto dei consumatori, che utilizzano i medesimi segni distintivi, le tecnologie informatiche e che mantengono la piena autonomia gestionale e finanziaria;
  • promuovere la formazione professionale degli avvocati aderenti in diritto immobiliare e diritto dei consumatori, di concerto con gli organi istituzionali, politici e di categoria;
  • organizzare incontri, convegni e seminari in diritto immobiliare e diritto dei consumatori;
  • organizzare incontri, convegni e seminari per incentivare la sensibilizzazione sociale alle tematiche legate ai valori della giustizia e legalità;
  • valorizzare il ruolo politico-sociale degli avvocati costruendo un movimento forense che agisce per l’attuazione del principio di sussidiarietà e della cittadinanza attiva umanitaria per il bene civico, culturale e morale della Campania ai sensi della Legge Regionale della Regione Campania n.12 del 1 luglio 2011.

ART. 13 – ORGANO DI CONTROLLO

Quando la nomina del collegio sindacale non è obbligatoria per legge ovvero non è obbligatoria la nomina del revisore contabile, l’assemblea potrà, volontariamente, nominare uno o più revisori contabili di cui almeno uno con la qualifica di Revisore Contabile, nonché rispettivamente uno o due supplenti.

L’organo così nominato dura in carica quanto il Consiglio Direttivo e non decade in caso di rinnovo anticipato di quest’ultimo. 

In particolare il Revisore o il Collegio dei revisori ha il compito di accertare la regolarità delle scritture contabili del Comitato.

ART. 14 – COMITATO SCIENTIFICO 

Il Comitato può avvalersi della collaborazione di un Comitato Scientifico, organo consultivo, composto da personalità, anche esterne al Comitato, di riconosciuto prestigio nelle materie di interesse ed attività del Comitato. I componenti del Comitato sono nominati dal Consiglio Direttivo, durano in carica due anni e possono essere riconfermati.

ART. 15 – INCOMPATIBILITA’

Le cariche sociali possono essere ricoperte solo da associati effettivi di Casaconsumproprietà.

Non sussistono incompatibilità fra l’incarico di Presidente di Sede Provinciale di Casaconsumproprietà presente in Campania e membro del Consiglio Direttivo regionale del Comitato.

ART. 16. ESERCIZIO SOCIALE

I competenti organi predispongono ed approvano annualmente il rendiconto finanziario delle entrate e delle uscite sociali; è facoltativa la presentazione di un bilancio preventivo. Gli esercizi finanziari si chiudono il 31 dicembre di ogni anno. I rendiconti rimangono depositati nella sede sociale nei 10 giorni che precedono l’Assemblea a disposizione degli associati che ne presentano istanza. Copie del rendiconto potranno essere distribuite solamente dopo l’approvazione e dietro rimborso delle spese.

ART. 17 – RAPPORTI AMMINISTRATIVI E FINANZIARI CON CASACONSUMPROPRIETA’ NAZIONALE

Il Comitato ha piena autonomia finanziaria e amministrativa nel rispetto delle norme statutarie e regolamentari. In caso di recesso o di esclusione il Comitato conserva tutte le disponibilità del suo patrimonio e la titolarità delle obbligazioni assunte.

Il Comitato riconosce i poteri di commissariamento e di esclusione e, più in generale, il potere di intervento e di controllo degli organi nazionali, secondo quanto previsto dallo Statuto nazionale; é altresì tenuto a trasmettere agli organi nazionali di Casaconsumproprietà, entro il 31 maggio di ogni anno, tutti i documenti e le informazioni amministrative-finanziarie, come previsto dallo Statuto e/o dai Regolamenti nazionali.

ART. 18 – ENTRATE E PATRIMONIO SOCIALE

Le entrate del Comitato sono costituite dagli eventuali contributi pubblici e privati, da eventuali contributi delle sedi provinciali e da ogni altra entrata connessa allo svolgimento delle attività sociali. È vietato distribuire anche in modo indiretto utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitale durante la vita del Comitato, a meno che la distribuzione non sia imposta dalla legge. Gli avanzi o utili dovranno essere impiegati obbligatoriamente per la realizzazione delle attività istituzionali o di quelle ad esse direttamente connesse.

ART. 19 – SCIOGLIMENTO 

In caso di scioglimento del Comitato il patrimonio va destinato, mediante delibera dell’Assemblea straordinaria, a Casaconsumproprietà Nazionale, oppure, in caso di scioglimento della stessa, ad altre associazioni aventi le medesime finalità di tutela e assistenza dei consumatori e degli utenti.

ART. 20 – DISPOSIZIONI FINALI

Per quanto non previsto nel presente statuto si applicano le disposizioni statutarie e regolamentari di Casaconsumproprietà Nazionale, nonché la vigente normativa.Il presente statuto si intende modificato da eventuali successive modifiche dello Statuto Nazionale. 

REGOLAMENTO DELLE DELEGAZIONI COMUNALI

L’art. 1 dello Statuto del Comitato prevede che lo stesso possa istituire Delegazioni nell’ambito dei Comuni di provincia dei capoluoghi della regione Campania.

Tali Delegazioni saranno rette dal seguente regolamento.

Art. 1° = Su proposta del Presidente Regionale del Comitato, il Consiglio Direttivo Regionale del Comitato può nominare per ogni Comune di provincia dei capoluoghi della regione Campania, un Delegato che svolga attività di collegamento tra i soci di quel Comune ed il Comitato.

Art. 2° = In ogni Comune di provincia dei capoluoghi della regione Campania quando il numero dei soci superi le 20 unità, si potrà dar luogo all’apertura di una sede di Delegazione presso cui si svolgerà il normale programma d’attività (servizi, consulenze, ecc.).

Analogamente si potranno aprire sedi di Delegazione con competenze su due o più Comuni finitimi.

Art. 3° = Per ogni sede di Delegazione sarà nominato dal Consiglio Direttivo Regionale del Comitato un Segretario di Delegazione che avrà la responsabilità della conduzione della stessa.

Egli sarà soggetto alle direttive del Comitato, provvederà ad inviare relazioni su attività, rendiconti, incassi e spese alla sede del Comitato secondo le istruzioni che gli saranno impartite.

Art. 4° = Presso ogni sede di Delegazione i soci aderenti eleggeranno una Consulta formata da cinque a nove membri, secondo il numero degli aderenti, nel cui seno verrà eletto un Presidente ed un Vice Presidente, fungerà da Segretario il Segretario di Delegazione.

Se di una Delegazione fanno parte soci di più Comuni, nell’eleggere la Consulta si dovrà fare in modo che tutti i Comuni che formano la Delegazione vi siano rappresentati.

La Consulta ha lo scopo di affrontare, discutere e sostenere le istanze della categoria in sede locale con l’assistenza del Segretario di Delegazione.

Prima di ogni seduta deve essere inviato tempestivamente al Comitato avviso di convocazione con il relativo ordine del giorno.

Alle riunioni della Consulta possono partecipare il Presidente Regionale, il Vice Presidente Regionale, il Segretario Regionale ed il Tesoriere Regionale del Comitato.

Le sedute della Consulta sono in analogia a quanto previsto per le sedute del Consiglio Direttivo Regionale del Comitato.

Per ogni seduta viene redatto apposito verbale di cui deve essere inviata copia alla sede del Comitato.

Cariche sociali

Cariche sociali - AVVOCATI DEI DIRITTI

 CASACONSUMPROPRIETA'  SEDE REGIONALE DELLA CAMPANIA 

  ASSOCIAZIONE NAZIONALE PER LA TUTELA DELLA CASA E DEI CONSUMATORI

 Via Tino di Camaino 9  80128 Napoli  tel. 081.578 54 10 - fax 081.556 99 97  www.casaconsum-campania.com     

  

Presidente Regionale:

Avv. Vincenzo Vitiello

 

Vice Presidenti Regionali:

Avv. Gianvito Gialanella

Avv. Immacolata Cocca

Avv. Mariarosaria Sacco

 

Segretario:

Dott. Gianluca Vitiello

 

Tesoriere:

Dott. Silvana Cicillini

 

Consiglieri:

Vincenzo Bellucci

Avv. Andrea Caporaso

AVVOCATI DEI DIRITTI

AVVOCATI DEI DIRITTI